Breaking News
Contratti a termine illegittimi? Va ... A seguito di dichiarazione, da parte della Corte di ... - 09 Lug 2018
Azione di contrasto al fenomeno del ...   Applicazione CCNL e tutela dei lavoratori ... - 04 Lug 2018
SIAE - ulteriore proroga degli accordi ... Si comunica che il Consiglio di Gestione di Siae - ... - 04 Lug 2018
Regolamento per individuazione ...   DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 13 ... - 04 Lug 2018

Contratti a termine illegittimi? Va riconosciuta l’anzianità lavorativa e retributiva

09 Luglio 2018

Contratti a termine illegittimi

A seguito di dichiarazione, da parte della Corte di Appello, della nullità del termine apposto ad una serie di contratti e la condanna per il datore di lavoro al pagamento di undici mensilità globali di fatto a titolo risarcitorio, un lavoratore ha fatto ricorso in Cassazione chiedendo il riconoscimento dell’anzianità lavorativa e retributiva, con i relativi avanzamenti di grado, qualifica e mansioni e con le connesse differenze retributive.

A tal proposito, la Corte di Cassazione, con sentenza n. 17248 del 2 luglio 2018, ha evidenziato che anche dopo la Legge. n. 183/2010 e la legge di interpretazione autentica, la sentenza che accerta l’illegittimità del termine converte il contratto a termine in contratto a tempo indeterminato e dispone la riammissione del lavoratore in servizio.

Da quel momento il lavoratore avrà diritto a percepire le [continua sul sito]

Allegati all'articolo
LEGGE N. 92 DEL 28 GIUGNO 2012
LEGGE N. 183 DEL 4 NOVEMBRE 2010
CORTE COSTITUZIONALE – SENTENZA N. 226 DEL 25 LUGLIO 2014

 

Assegno di ricollocazione 2018: cosa sapere

04 Luglio 2018

[download limitato nel tempo]

I vantaggi per aziende e lavoratori

ANPAL e Ministero del lavoro hanno recentemente fornito indicazioni sull’accordo di ricollocazione, fissando i criteri e le modalità di accesso per aziende e lavoratori.

L'Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro sta sollecitando affinché i disoccupati non perdano l'opportunità di richiedere l'assegno, operativo dallo scorso 16 maggio, finalizzato ad un servizio intensivo di assistenza nella ricerca di un lavoro.

Quanto dura il servizio? Quali sono i vantaggi per i datori di lavoro? Qual è la procedura di richiesta?

Trova le risposte a queste ed altre domande nella nuova Guida Tascabile "Assegno di ricollocazione 2018: cosa sapere".

Cosa apprenderai con la Guida Tascabile:
- Come richiedere l'assegno
- Quanto dura l'assistenza?
- Quali benefici per il lavoratore?
- Quali vantaggi per il datore?

Azione di contrasto al fenomeno del dumping contrattuale

04 Luglio 2018

 

Applicazione CCNL e tutela dei lavoratori

L'azione di contrasto al fenomeno del dumping contrattuale iniziata a gennaio 2018 è in corso su tutto il territorio nazionale, in particolare nel settore del terziario (circ. n. 3/2018), nel quale si riscontrano violazioni di carattere contributivo o legate alla fruizione di istituti di flessibilità in assenza delle condizioni di legge.
L'azione si concentra nei confronti delle imprese che non applicano i contratti "leader" sottoscritti da CGIL, CISL e UIL ma i contratti stipulati da OO.SS. che, nel settore, risultano comparativamente meno rappresentative (CISAL, CONFSAL e altre sigle minoritarie).
Fermo restando il principio di libertà sindacale, infatti, la fruizione di benefici, così come il ricorso a forme contrattuali flessibili, è ammesso a condizione che si applichino i contratti "leader" del settore, contratti che vanno comunque sempre utilizzati per l'individuazione degli imponibili contributivi. Le imprese che non applicano tali CCNL potranno pertanto rispondere di sanzioni amministrative, omissioni contributive e 22/6/2018 Notizie https://www.ispettorato.gov.it/it-it/notizie/Pagine/Applicazione-CCNL-e-tutela-dei-lavoratori-20062018.aspx 2/2 trasformazione a tempo indeterminato dei rapporti di lavoro flessibili. Anche gli eventuali soggetti committenti risponderanno in solido con le imprese ispezionate degli effetti delle violazioni accertate.

Regolamento per individuazione interventi esclusi dall'autorizz. paesaggistica

04 Luglio 2018

77

 

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 13 febbraio 2017, n. 31
Regolamento recante individuazione degli interventi esclusi dall'autorizzazione paesaggistica o sottoposti a procedura autorizzatoria semplificata

Pubblicato sul sito dell’Assessorato Reg.le dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana la Circolare n. 9 del 30 giugno 2017 in cui vengono fornite istruzioni in ordine al D.P.R. 31/20017 che ha approvato il regolamento recante l’individuazione degli interventi esclusi dall’autorizzazione paesaggistica o sottoposti a procedura autorizzatoria semplificata.

In sintesi la circolare chiarisce che, ai sensi dell’art. 13 comma 3 del D.P.R. 31/2017, trova immediata applicazione nell’ordinamento siciliano il regime di esonero dall’obbligo di autorizzazione paesaggistica per gli interventi di cui all’allegato A del citato Decreto.

La circolare precisa infatti che, in merito all’inciso “ fermo restando il rispetto delle competenze delle Regioni a Statuto speciale”, questo è da riferirsi alla diversa organizzazione degli uffici e delle competenze in materia di beni culturali e tutela del paesaggio presente nelle Regioni a Statuto speciale, quale la Sicilia, rispetto alle regioni a Statuto ordinario.

In ordine invece alle 42 tipologie di interventi, elencati nell’allegato B del D.P.R. 31/2017, soggetti al procedimento autorizzatorio semplificato, se eseguiti in aree vincolate, la Regione Siciliana dovrà intervenire con un proprio provvedimento amministrativo di accoglimento.

Con D.A. 30 giugno 2017, n. 3000
è stata approvata la nuova procedura riferita al rilascio delle autorizzazioni paesaggistiche per i casi riguardanti interventi edilizi minori. Dall'1 luglio 2017, le istanze di autorizzazione paesaggistica per le tipologie di interventi elencate nell’allegato 1 al D.A. stesso, sono accompagnate dalla relazione paesaggistica semplificata.
A far data dal 1° luglio 2017 infatti il Decreto Assessoriale 300/2017 ha:
- individuato all’allegato 1 le tipologie di interventi di lieve entità soggetti a procedimento autorizzatorio semplificato (accogliendo quindi l’allegato B al D.P.R. 31/2017);
- approvato gli schemi di istanza di autorizzazione paesaggistica semplificata (allegato 2 come previsto all’art. 8 comma 2 del D.P.R. 31/2017, vedi all’allegato C al D.P.R. 31/2017) e di relazione paesaggistica semplificata (allegato 3 come previsto all’art. 8 comma 1 del D.P.R. 31/2017, vedi all.to D del D.P.R 31/2017)
La circolare chiarisce infine che, a seconda dell’intervento che si vuole porre in essere sarà possibile ricorrere a tre procedure diverse:
- Intervento libero (All.to A D.P.R. 31/2017): tali interventi non hanno obbligo di autorizzazione paesaggistica ma solo del titolo edilizio, se richiesto. In tale ipotesi non dovrà pertanto essere inviata alcuna comunicazione alla Soprintendenza e, qualora ciò avvenisse, sarà la stessa Soprintendenza ad avvisare l’istante che l’intervento, in quanto ricadente tra quelli di cui all’allegato A del D.P.R. 31/2017, non necessita di autorizzazione paesaggistica;
- Autorizzazione paesaggistica semplificata: questa attiene agli interventi di lieve entità (ndr. vedi allegato 1 del D.A. 300/2017, recepisce allegato B del D.P.R. 31/2017) l’istanza dovrà essere compilata, anche con modalità telematica, secondo il modello semplificato (ndr all.to C del D.P.R. 31/2017, recepito dall’all.to 2 del D.A. 300/2017), corredata da relazione paesaggistica semplificata, redatta da un tecnico abilitato (ndr all.to D del D.P.R. 31/2017, recepito dall’all.to 3 del D.A. 300/2017);
- Autorizzazione paesaggistica ordinaria: per gli interventi più significativi
La circolare infine, per i procedimenti pendenti, chiarisce che, in assenza di uno specifico regime transitorio, trova applicazione, trattandosi di norme procedurali, il principio generale “tempus regit actum”, dovendo distinguere, come chiarito dall’ufficio legale del MiBACT, i casi in cui alla procedura ordinaria subentra il regime di esonero dall’autorizzazione paesaggistica (All.to A) dai casi in cui al regime ordinario (art. 146 D.Lgs. 42/2004) subentra quello semplificato (All.to B D.P.R. 31/2017- All.to 1 D.A. 300/2017).
Pertanto se trattasi di interventi ed opere esonerati dall’obbligo di autorizzazione paesaggistica, se non ancora autorizzati, le istanze saranno archiviate previa comunicazione al privato dell’entrata in vigore del nuovo regime autorizzatorio per tali tipologie;
Se invece trattasi di interventi avviati e collocati nell’ambito della procedura ordinaria ma sottoposti, a seguito del nuovo regolamento, al regime semplificato occorrerà distinguere:
1) Se è stata presentata la documentazione prevista per il regime ordinario, il procedimento sarà concluso secondo il regime previgente;
2) Diversamente si dovrà richiedere la relazione paesaggistica semplificata

[VEDI ALLEGATI]

Bolletta luce gas, arriva il calcolatore per pagare meno

03 Luglio 2018

Fonte Corriere della sera
Autore Antonella Baccaro

energiapo

Il Portale dell’Acquirente unico

Il Portale Offerte è il sito pubblico realizzato e gestito da Acquirente unico, sulla base delle disposizioni dell’Autorità dell’energia. Digitando www.prezzoenergia.it i clienti domestici, famiglie e piccole imprese possono confrontare e scegliere in modo semplice, chiaro e gratuito le offerte di elettricità e gas. Il Portale offerte mette a disposizione un motore di ricerca di semplice utilizzo e offre una serie di informazioni utili sui mercati dell’energia elettrica e del gas e sulle novità di legge previste. In questa prima fase, dal 1° luglio 2018, saranno consultabili tutte le offerte PLACET (Prezzo libero a condizioni equiparate di tutela), ovvero offerte con prezzo libero ma condizioni contrattuali definite dell’ARERA. Da settembre, saranno presenti le offerte oggi disponibili nell’attuale Trova offerte dell’Autorità (quindi le offerte del mercato libero volontariamente iscritte e le condizioni di Tutela) e da dicembre tutte le offerte del mercato libero.
Il Portale Offerte è realizzato e gestito da Acquirente Unico, come disposto dall’ARERA(Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente) in attuazione della legge 124/2017 che ha previsto la fine dei servizi di tutela dal 1 luglio 2019. Da questa data, infatti, i clienti e le piccole imprese che hanno ancora contratti di fornitura a prezzi e condizioni regolate dall’ARERA dovranno necessariamente scegliere fra le sole offerte sul mercato libero.

[Articolo completo]

Evento FOR.TE. - Tieniti For.Te. Roadshow 2018 - Palermo 05-07-2018

28 Giugno 2018

 

Nel 2017 For.Te ha lanciato un evento itinerante in varie parti di Italia.

Considerato l’interesse dimostrato dalle Aziende, For.Te ha previsto altre tappe, tra cui quella di Palermo, il 5 Luglio dalle ore 18.00 alle ore 20.00, presso le Officine Baronali, Via Villa Rosato 20/22.

“Tieniti Forte Roadshow”, è un evento multimediale dedicato a tutte le Aziende del tessuto imprenditoriale italiano che vogliono accrescere la propria competitività attraverso le opportunità offerte dalla formazione continua, per competere sul mercato e per sviluppare le proprie competenze, e infine del team di professionisti del Fondo che lavorano ogni giorno a fianco delle aziende per facilitare l'accesso ai finanziamenti.

Ogni appuntamento è presentato con entusiasmo trascinante da Anthony Smith, Executive Business Coach e Motivational Speaker per numerose realtà dell'eccellenza italiana e internazionale che guida il pubblico alla scoperta di nuove e irrinunciabili opportunità per le piccole, medie e grandi aziende di ogni settore.

Con questa iniziativa il Fondo traccia una nuova frontiera nella storia dei Fondi paritetici interprofessionali, superando la burocrazia per riportare ai centro della scena le persone

È l'occasione per avvicinare aziende che ancora non conoscono For.Te. e un regalo per le tante aziende che da anni hanno scelto For.Te.

Non mancate è un evento importante per le Vostre Aziende.

CIRCOLARE Fipe n. 46 del 25-06-2018 - Mancata applicazione della contrattazione collettiva di riferimento

26 Giugno 2018

Con una nota apparsa sul proprio portale istituzionale in data 20 giugno 2018, l’Ispettorato Nazionale del Lavoro informa che è in corso su tutto il territorio nazionale l'azione di contrasto al fenomeno del cd. dumping contrattuale avviata dal gennaio 2018, in particolare nei settori del terziario, nei quali si riscontrano violazioni di carattere contributivo o legate alla fruizione di istituti di flessibilità in assenza delle condizioni di legge.
I controlli si stanno svolgendo nei confronti delle imprese che non applicano i contratti c.d. leader sottoscritti da CGIL, CISL e UIL e dalle organizzazioni datoriali maggiormente rappresentative (quali il CCNL Pubblici Esercizi, ristorazione collettiva e commerciale e Turismo) ma i contratti stipulati da [continua in allegato]

L'isola di Maiorca - Un sistema integrato di gestione dei rifiuti

20 Giugno 2018

Maiorca

Tratto da Recycling n°3/05-2009

Prof. Francesco Claudio Campione e Amanda Campodonico

Lo sviluppo sostenibile ha come obiettivo quello di creare un giusto equilibrio tra sviluppo in termini di crescita economica e rispetto ambientale.
Questa ultima viene detta “dei consumi a causa della sua primaria tendenza a servirsi delle risorse naturali in modo pressoché illimitato e spesso senza un criterio razionale utilizzando il territorio come fonte inesauribile di risorse.
L’uomo si è quindi reso conto dell’esigenza di un ecosistema sano per la sua sopravvivenza il che lo ha portato al nuovo concetto di sviluppo.
Questo comporta tutta una serie di possibili soluzioni tra le quali quella per cui per ridurre l’uso delle risorse non bisogna necessariamente... [Leggi allegato]

Affitti brevi: il Consiglio di Stato boccia Airbnb. Evase imposte per 130 milioni

15 Giugno 2018

Fonte Blog Taormina

 

Il Consiglio di Stato ha respinto l’istanza di Airbnb, che chiedeva di riformare l’ordinanza del Tar Lazio 18 ottobre 2017 che aveva negato in via cautelare la sospensione della tassa, e di poter riproporre la richiesta. Ma i giudici l’hanno ritenuta inammissibile, perché doveva essere presentata al Tar. La tassa sugli affitti brevi prevede che gli intermediari immobiliari raccolgano le tasse dovute dai proprietari e girino i dati al fisco.

La questione non è chiusa. Sulla vicenda dovrà tornare a pronunciarsi il Tar, in un’udienza fissata per ottobre. Da quanto è emerso nel ricorso, i proprietari delle case messe in affitto tramite Airbnb (i cosiddetti host) hanno ricavato nel 2017 circa 621 milioni di euro, sui quali il portale avrebbe dovuto effettuare e versare ritenute per 130,4 milioni di euro. Ora l’Agenzia delle Entrate potrebbe intervenire per chiedere ...[Leggi l'articolo completo]

 

Turismo in Sicilia, ecco cosa frena ciò che potrebbe essere e non è

11 Giugno 2018

Fonte LaSicilia
Autore: Michele Guccione

Studio UniCredit-Nomisma: l'Isola è soltanto al decimo posto in Italia per arrivi, "frenata" da un numero di strutture ricettive non adeguato al fabbisogno e da una distribuzione dei finanziamenti pubblici a sostegno del settore che non tiene conto delle potenzialità effettive dei territori che le ricevono.... [Leggi l'articolo completo]

 

Comunicato stampa - Il Gelato “con…dito”

11 Giugno 2018

comunicato stampa Gelato con dito

Anche noi abbiamo appreso con stupore della notizia che i media ci hanno dato ieri. Oltre alle dichiarazioni stampa già rilasciate dai rappresentanti della FIPE (Federazione Pubblici Esercizi) stamattina, è stato concordato un percorso di assistenza alle imprese associate in Sicilia che sarà delegato all’EBRTS.
Infatti ai sensi della normativa sulla sicurezza sul lavoro verranno effettuate delle visite di “consulenza” per segnalare eventuali “difformità” e per evitare multe o il ripetersi di episodi quale quello del Gelato “con…dito”.
Analogamente gli operatori dell’EBRTS, congiuntamente alla FIPE (Federazione Pubblici Esercizi), illustreranno agli imprenditori le provvidenze che Stato e Regione mettono in campo per favorire l’emersione del lavoro nero.
Il Presidente Dario Pistorio di FIPE Sicilia e il Presidente Mario Mennella dell’EBRTS chiederanno un incontro all’Assessore Regionale Lavoro D.ssa Ippolito, per addivenire ad un protocollo d’intesa nella logica della sussidiarietà, come previsto dalla normativa europea e statale in materia.

Pagina 1 di 10