Breaking News
Contratti a termine illegittimi? Va ... A seguito di dichiarazione, da parte della Corte di ... - 09 Lug 2018
Azione di contrasto al fenomeno del ...   Applicazione CCNL e tutela dei lavoratori ... - 04 Lug 2018
SIAE - ulteriore proroga degli accordi ... Si comunica che il Consiglio di Gestione di Siae - ... - 04 Lug 2018
Regolamento per individuazione ...   DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 13 ... - 04 Lug 2018

Incertezza sul San Domenico, Fisascat Cisl rilancia l’allarme sui lavoratori

16 Marzo 2018 Notizie Utili 146
Vota questo articolo
(0 Voti)

Fonte blogtaormina

 

Mentre resta incerta la situazione sulle opere di ristrutturazione del San Domenico, per le quali manca il placet del Comune del progetto, i sindacati rilanciano l’allarme sulla situazione dei lavoratori dello storico albergo taorminese e più in generale sui nefasti effetti della Naspi sul territorio. “Non possiamo nascondere – spiega il segretario regionale aggiunto della Fisascat Cisl Sicilia, il taorminese Pancrazio Di Leo – la preoccupazione per le evidenti difficoltà di ricollocamento dei lavoratori del San Domenico Palace Hotel. L’albergo, come sappiamo, è chiuso, i lavori di ristrutturazione non sono partiti, il Comune non si è ancora pronunciato sul progetto e la riapertura ipotizzata dalla proprietà nel 2019 appare di questo passo una prospettiva sempre più lontana. La maggior parte dei lavoratori del San Domenico ad oggi non è riuscita a trovare impiego in altre strutture e si tratta, ricordiamo, di 35 annuali e oltre 60 stagionali. Auspichiamo chiarezza sulla vicenda del San Domenico e ci auguriamo soprattutto una svolta per queste famiglie che vivono un momento davvero drammatico”.

La questione del San Domenico, di riflesso, accende i riflettori sulla Naspi: “Il vero momento di difficoltà per i lavoratori è adesso – evidenzia Di Leo – perché è terminata la Naspi, sussidio che era stato erogato dallo Stato per soli 3 mesi e cioè per novembre, dicembre e gennaio. I lavoratori sono, quindi, senza un lavoro e di conseguenza privi di un reddito”.

“Gli stagionali del settore turismo – aggiunge Mimma Calabrò, segretario generale Fisascat Cisl Sicilia -, in passato avevano garantiti minimo sei mesi di lavoro continuativo, oggi con le nuove leggi lavorano con contratti a termine di un mese e se va bene rinnovabili per un ulteriore mese. Una condizione che riteniamo assurda e ingiustificabile. E’ evidente, quindi, che occorrono misure concrete ed efficaci in grado di modificare al più presto questa situazione”.

“La verità è che continuiamo ad attendere risposte e misure di intervento efficaci nel turismo da parte del presidente Musumeci – aggiunge Di Leo -. Sono passati già i primi mesi dall’insediamento del Governo regionale ma il turismo sin qui non è stata una priorità, sebbene sia la prima ed anzi unica fonte di reddito per migliaia di persone, tanto più a Taormina e nel comprensorio ionico. Ci aspettiamo risposte anche da Di Maio, se dovessero andare al Governo i Cinque Stelle, perchè a lui abbiamo personalmente consegnato il 20 settembre scorso a Taormina la petizione per la riforma della Naspi. Il tempo delle promesse è finito per tutti, la gente vuole delle risposte concrete”.